I video dell'evento

Terza Soft Power Conference - 29 Agosto Fondazione CINI
Terza Soft Power Conference - 30 Agosto (mattina)
Terza Soft Power Conference - 30 Agosto (pomeriggio)

Nella sua Terza Conferenza a Venezia, il Soft Power Club riafferma un originale profilo attraverso l'incontro di un qualificato Gruppo di personalità internazionali, rappresentanti della Società civile, dei mondi imprenditoriali, della Cultura e delle Industrie creative, del servizio Pubblico nell'ambito delle istituzioni globali.

L'insorgere di nuovi conflitti internazionali, di divergenze geopolitico-strategiche, di conflittualità diffuse conferma la validità delle nostre motivazioni: hard power e soft power hanno sempre coesistito, nei diversi capitoli della storia umana. E' più che mai necessaria, oggi, la capacità di ogni attore di disporre di una reputazione positiva nell'arena globale - anche per promuovere l'interesse di ciascuna nazione. E richiamarsi ai princìpi ed obiettivi della Carta delle Nazioni Unite è più che mai necessario nel nostro mondo interdipendente.

E' tempo di promuovere una nuova stagione di Soft Power, e di fare leva su alcuni temi che abbiamo condiviso in questi tre anni:

  • Un responsabile, efficace Multilateralismo resta prioritario. Le Istituzioni internazionali debbono essere tutelate e rafforzate - non indebolite - a fronte delle sfide attuali e di quelle, crescenti, del futuro.
  • I Cambiamenti Climatici - problema esistenziale ed estremamente complesso per l'intera Umanità, con una serie di necessarie Transizioni integrate tra loro - non possono essere affrontati nel nostro interesse comune se non in termini di interdipendenza e di innovazioni, puntando ad ottenere sia risultati urgenti che strategici e di lungo termine.
  • Le Tecnologie Digitali trasformative possono contribuire ad aprire nuove opportunità su basi di eguaglianza e di servizi accessibili per tutti. Un'informazione diffusa e corretta può aiutare a scongiurare false narrative miranti a creare odio e diffamazioni; a consentire un nuovo, trasparente, aperto ambiente globale per le attività d'impresa e la creatività; a ripristinare la fiducia del pubblico nelle Istituzioni nazionali e internazionali.
  • Un Commercio aperto dovrebbe rimanere una componente del comune interesse per lo Sviluppo Sostenibile, per l'accesso ai beni fondamentali, per settori privati sani e prosperi, per la creazione di nuovi posti di lavoro, per un'economia globale più giusta ed equilibrata.
  • La Cultura non dev'essere brutalmente usata come terreno di conflitti di parte: i suoi valori universali possono contribuire a ridurre le divergenze e sviluppare la mutua comprensione tra popoli e persone.

Gli obiettivi più importanti che come comunità internazionale condividiamo - e quelli che al più presto dovremo condividere - non possono essere raggiunti se non attraverso la leale collaborazione. Perciò ci rivolgeremo ai leader e alle Istituzioni globali per cercare di condividere idee e proposte concrete che scaturiscono dai nostri dialoghi veneziani sul Soft Power.

In its Third Venice Conference, the Soft Power Club intends to reassess the importance of its original profile: gathering a qualified Group of International personalities, from Civil society, business, Culture and Creative industries, public service in global Institutions.

New international conflicts, divergences, unrest, fully confirm our motivations: hard power and soft power always co-existed. A good reputational record in the global arena is necessary for every actor - also for the promotion of single Nations interests. Principles and purposes of the United Nations Charter are more important than ever in our interconnected world.

Some crucial issues we shared in these three years should be part of a new Soft Power’s season:

  • >A responsible, efficient Multilateralism is a priority. International Institutions must be preserved and strengthened, not weakened, in the face of current and future growing global challenges.
  • Climate Change - an existential and very complex issue for all Humankind, with a series of integrated, necessary Transitions - cannot but be managed in terms of Interdependence and innovations, in order to achieve both very urgent and long-term, strategic results in our common interest.
  • Transformative Digital technologies can be instrumental to open new equality opportunities and inclusive services for all. A correct information landscape can help avoid false narratives aiming to build defamation and hatred; to allow a new transparent, open, efficient business and creative environment; to restore public confidence in national and International Institutions.
  • Open Trade should remain part of the common interests for a Sustainable Development, access to basic goods, healthy and thriving private sectors, creation of new jobs, a more balanced and fair global economy.
  • Culture must not be brutalized as a partisan ground of conflicts: its universal values can contribute in bridging differences and developing mutual understanding between populations and individuals.

The most important goals we have - and must have - cannot be achieved without loyal cooperation. That’s why we’ll address global leaders and Institutions to share the ideas and concrete proposals arising from our Venice Soft Power dialogue.

Francesco Rutelli

 
 
 

AGENDA

Nuovi membri

Nel 2022 si aggiungono, come nuovi Membri del Soft Power Club: Kiran Mazumdar-Shaw, imprenditrice indiana, presidente esecutiva e fondatrice di Biocon Limited e Biocon Biologics Limited, leader mondiale nelle biotecnologie, con sede a Bangalore in India; Lord Charles Powell, diplomatico, politico e uomo d'affari britannico, pro-europeo (già capo di gabinetto di Margaret Thatcher) e Rebeca Grynspan, segretario generale di UNCTAD.
In 2022 the Club welcomes three new members: Kiran Mazumdar-Shaw, executive chairperson and founder of Biocon Limited (Bangalore, India); Lord Charles Powell, former UK PM Margareth Thatcher's Advisor, Board Member LVMH, Chairman of the Board of Advisors of the Oxford Said Business School); Rebeca Grynspan, Secretary General UNCTAD (United Nations Conference on Trade and Development)

Global challenges, global responses

Toward a soft power based on responsibility

  • Interconnectedness and conflict coexist in the current international context. The traditional power of coercion - hard power - seems to be sweeping us away into a return to the rigid oppositions of the past, undermining the international community's ability to meet those global challenges that are the inevitable result of interconnectedness. Today more than ever, a renewed commitment of thought and action is needed to build a future made of cooperation, security, and development.
 
  • In this context, a paradigm shift is needed in the very idea of soft power. Traditionally referring to cultural influence, we think that soft power should today be brought back, in a broader sense, to a value dimension. This is to link, whenever possible, a nation's power of influence to its ability to contribute effectively to building an international consensus on responses to global challenges.
 
  • The foundation of this new concept is the U.N. Charter, which already in the Preamble calls on all members of the international community, with no distinction, to a shared effortto "save future generations from the scourge of war; reaffirm faith in fundamental human rights; create conditions in which justice and respect for obligations under international law can be maintained; and promote social progress and a higher standard of living in greater freedom". Article 55 then includes these objectives in the Organization's mandate: "the United Nations shall promote conditions for economic and social development and progress; the solution of international economic, social, health and similar problems, and international cultural and educational collaboration; and universal respect for and observance of human rights and fundamental freedoms for all."
 
  • The more a country is able to contribute to the realization of the purposes enshrined in the Charter, the more its power of influence is enhanced. Toward a soft power based on responsibility, then, whereby being a key player in developing responses to global challenges results not only in a positive reputational payoff, but also in a net gain from the standpoint of power of influence.
 
  • Multilateral fora are the most suitable context for measuring nations' efforts to provide responses to global challenges and thus their next-generation soft power capital. In today's UN system, the already evident stalemate in the Security Council tends to enhance the role of the General Assembly by making it a privileged context in which countries -regardless of their size-will be able to champion solutions to global challenges, nurturing their capital of persuasion and attraction. This is consistent with Article 13 of the Charter, according to which the Assembly"shall undertake studies and make recommendations to develop international cooperation in the political, economic, social, cultural and public health fields, and promote respect for human rights and fundamental freedoms for all.”
  A new vision of soft power encourages a rethinking of the role of non-state actors and civil society: nongovernmental organizations, think tanks, cities, the private sector. Not just implementers of decisions, but actual laboratories of thought and solutions. A new role that needs to be included in the international organizations’ system thanks to new rules and working methods: building new meeting platforms, making them part of the multilateral decision-making process to relaunch the search for shared solutions to common challenges. It is a paradigm shift all countries - but also all of us (!) - are called upon to support in the international organizations and fora they are part of, so that a renewed bottom-up approach becomes one of the cornerstones of the new soft power based on responsibility.

Composizione del Soft Power Club

Fondatore e Presidente, Francesco Rutelli. Membri: S.A.R. Principe di Giordania, El Hassan Bin al Talal; Irina Bokova, già DG dell'UNESCO; Lord John Browne, già CEO di BP, Presidente Courtauld Institute of Art; Helen Clark, già Primo Ministro della Nuova Zelanda e leader dell'United Nations Development Programme; Yuan Ding, vicepresidente e Dean della China Europe Business School, Shanghai, la più autorevole Business School dell'Asia; Amitabh Kant, CEO della National Institution for Transforming India per delega del Presidente Modi; Philippe Donnet, CEO Generali; Cecilia Malmstrom, già Commissaria UE per gli Affari Interni e Commissaria per il Commercio; Carlo Mazzi, già Presidente Prada; Webber Ndoro, DG ICCROM, Centro Mondiale per la Conservazione e il Restauro dei Monumenti; Charles Rivkin, leader della Motion Picture Association, Hollywood-Washington; Ana Luiza Massot Thompson-Flores, Direttrice dell'UNESCO Bureau per la Scienza e la Cultura in Europa; Juan Ignacio Vidarte, Fondatore e DG del Guggenheim Museum, Bilbao. Fa parte stabilmente del Club l'"inventore" del Soft Power, Joseph Nye (Harvard University, Kennedy School of Government).

Nel 2022 si aggiungono, come nuovi Membri: Kiran Mazumdar-Shaw, imprenditrice indiana, presidente esecutiva e fondatrice di Biocon Limited e Biocon Biologics Limited, leader mondiale nelle biotecnologie, con sede a Bangalore in India; Lord Charles Powell, diplomatico, politico e uomo d'affari britannico, pro-europeo (già capo di gabinetto di Margaret Thatcher) e Rebeca Grynspan, segretario generale di UNCTAD.

Lo Steering Committee del Soft Power Club è coordinato dall'Ambasciatore Stefano Stefanini, già Consigliere Diplomatico del Presidente Giorgio Napolitano.


Il Soft Power Club Club riunisce un gruppo qualificato di personalità internazionali (esponenti dei mondi delle Istituzioni internazionali, della cultura, della scienza e del business) con lo scopo di promuovere una visione contemporanea del Soft Power e del suo ruolo nel dialogo tra le Nazioni e i popoli, a sostegno dello sviluppo umano. Il “padre” del Soft Power, il Prof. Joseph Nye jr (invitato permanente ai lavori del Club) ha per la prima volta individuato nella capacità attrattiva dei Paesi uno dei principali strumenti di esercizio del potere geopolitico ed economico. Il nostro Club è nato per sottolineare anche l'importanza del rafforzamento di un multilateralismo efficace.

I profondi cambiamenti in atto nello scenario globale indicano un forte ritorno in campo degli strumenti dell'Hard Power. Essi non mettono però in discussione il ruolo del Soft Power, assieme ai principi universali codificati nella Carta delle Nazioni Unite e in molti altri strumenti di collaborazione multilaterale, tanto più a fronte di sfide che nessuno è in grado di affrontare al di fuori di scenari di dialogo, persuasione, rispetto della verità fattuale; dunque, di collaborazione pur in contesti di rilevanti competizioni/contrapposizioni geopolitiche. Pensiamo, in particolare, alla vitale necessità di affrontare e mitigare i Cambiamenti Climatici.

Ogni anno, a fine agosto, il Club si riunisce a Venezia nell’ambito della Conferenza sul Soft Power, giunta alla terza edizione. La Città è stata scelta per la sua connotazione universale, patrimonio mondiale dell’UNESCO, da sempre al centro di traffici globali e dell’ammirazione internazionale, nonché candidata a Capitale mondiale della sostenibilità - anche per le minacce che incombono sui suoi fragili ecosistemi. Il Sindaco di Venezia è stato nominato Presidente onorario del Club.

L'anno scorso, sotto l'egida di Generali, è stata lanciata la prima edizione del “Soft Power Prize”. Nel 2021 il premio è stato assegnato al Dr. John Nkengasong, Direttore del Centre for Disease Control (CDC) del Continente africano, per il suo impegno a favore della scienza e della diffusione dei vaccini in Africa e nel mondo per contrastare la pandemia Covid-19. Il Dr. Nkengasong, dopo pochi mesi, è stato riconosciuto da “Time” fra le 100 persone più influenti del mondo. Egli è oggi membro di diritto del Club.

Quest’anno la III Venice Soft Power Conference affronterà i temi delle grandi sfide per l’Europa di fronte alla difficile transizione energetica alla luce del conflitto in Ucraina e delle prospettive concrete delle politiche di sostenibilità. Ospiterà la sessione dedicata ai membri del Club ed alle prospettive del Soft Power. I membri del Club hanno deciso di attribuire il secondo “Soft Power Prize” ad una figura 'game-changer' impegnata sui Cambiamenti Climatici. Si parlerà anche della trasformazione digitale, che ha determinato cambiamenti nei processi socio-economici e politico-culturali e continuerà ad essere un fattore chiave per le persone, le società, l'economia, il dialogo internazionale. Per i governi di tutto il mondo risulterà strategico porre il tema del digitale tra le priorità delle agende politiche, per essere capaci di sfruttare al meglio le potenzialità degli strumenti dell'innovazione, sviluppare una capacità di risposta ai noti problemi del divario digitale, tenere aperte le opportunità di un mondo interconnesso ed aperto.

La III Venice Soft Power Conference è realizzata con il sostegno di Bulgari e Generali, in collaborazione con la Fondazione Giorgio Cini, con il supporto del Comune di Venezia e dell'Università Ca' Foscari Venezia. Partner e coordinamento tecnico: Direct2Brain Agency.

SOFT POWER PRIZE A JOHN NKENGASONG

Il coraggio, l’impegno, la sapienza scientifica di John Nkengasong ci dicono che nessuno si salva da solo dalla pandemia. Solo insieme potremo farcela”. Con queste parole il presidente del Soft Power Club Francesco Rutelli ha motivato il Soft Power Prize – consegnato dal Group Ceo di Generali Philippe Donnet- al capo dell’azione africana contro il Covid.”
Guarda la Photogallery
Intervista al Corriere della Sera
Leggi l'articolo sul New York Times - There Will Be Another Variant. Here’s What the World Can Do Now
Scarica articolo in PDF

THE SECOND SOFT POWER CONFERENCE

Venice, Italy - AUGUST 30th-31th 2021

Si è svolta la seconda Soft Power Conference (30- 31 agosto).
Il Soft Power Club si è riunito per affrontare, con i suoi autorevoli ospiti istituzionali e internazionali, temi di primaria importanza: come un multilateralismo efficace potrà rispondere al dramma afgano; come governare, nelle prossime settimane, vaccinazioni per tutti e prevenzione del Covid; nell’evento Ied, come gestire, in Italia e in Europa, la cruciale transizione Verde con risultati positivi e senza drammatici contraccolpi; come fare della Cultura e delle industrie creative uno strumento di crescita e coesione nel dopo-Covid.
Dal messaggio del Presidente Draghi, ai contributi di straordinari leader globali, Venezia ha ospitato un appuntamento prezioso per l’affermazione di un nuovo Soft Power. La città lagunare è stata confermata come sede nel 1600° anniversario dalla fondazione. Una città che parla al mondo: un tempo crocevia mondiale di scambi e culture, oggi luogo universale e unico, domani potenziale epicentro di un guasto ambientale che la comunità internazionale deve prevenire ed evitare.
The second Soft Power Conference was held on 30th and 31st August.
The Soft Power Club met to discuss, with its authoritative institutional and international guests, themes of primary importance: how an effective multilateralism can respond to the Afghan drama; how to govern, in the coming weeks, vaccinations for all and Covid prevention; in the IED event, how to manage, in Italy and Europe, the crucial Green transition with positive results and without dramatic repercussions; how to make culture and creative industries an instrument of growth and cohesion in the post-Covid period.
From President Draghi's message to the talks of extraordinary global leaders, Venice hosted a valuable event for the affirmation of a new Soft Power. The lagoon city was confirmed as the Conference venue in the 1600th anniversary of its foundation. A city that speaks to the world: once a world crossroads of trades and cultures, today a universal and unique place, tomorrow a potential epicentre of an environmental breakdown that the international community must prevent and avoid

Scarica il programma dell'evento in PDF

Download the event program in PDF format

Soft power: the evolution of a concept

Leggi l'articolo di Joseph S. Nye (Kennedy School of Government, Harvard University)

Resoconto della sessione del 31 mattina

Read the resume of the second day of the conference (morning)


 

Contributi

Casellati, Gentiloni, Di Maio e Nye

Photogallery

Second Soft Power Conference - Venezia 2021

« of 2 »

About Soft Power

Latest articles from soft power world

Videogallery

Locations